Cerca
  • lanottolaofficial

Luigi Scarnato: un cardiologo che vede il divino in tutte le cose

"La prima e principal forma naturale, principio formale e natura efficiente, è l’anima de l’universo: la quale è principio di vita, vegetazione e senso in tutte le cose, che vivono, vegetano e sentono."

Giordano Bruno, De la causa, principio et Uno, 1584


L'amore per la Medicina del cardiologo Luigi Scarnato - ospite del Festival Nottoliano sulla salute di giorno 7 aprile, alle ore 11:00, in diretta Facebook e Youtube - ha le radici nella sua sofferenza: l'infanzia è segnata da numerosi contatti con l'ambiente sanitario, per via dei problemi alle anche. Conoscere la sofferenza in prima persona e vedendola sugli altri, ha fatto sì che si maturasse una speranza nella Medicina, che per il dottore è un "atto d'amore e di impegno".



Così racconta:

"I miei genitori erano commercianti e pur essendo molto distanti dalla Medicina, mi hanno sempre sostenuto durante il mio percorso di formazione, supportandomi anche nella musica - una delle mie passioni più grandi, come il modellismo, l'Astronomia, l'elettronica -. Soprattutto a mio padre devo riconoscere una grande intuizione: l'arte più nobile che potessi esercitare era indubbiamente quella del medico, e fu così che, dopo aver tentato ad accedere al conservatorio e agli studi universitari di Astronomia, mio padre mi aveva convinto che avrei dovuto puntare sulla Medicina. Se oggi sono un medico, il merito, indubbiamente, è anche suo."


Il movimento e l'essere in salute


Il movimento, nella sua connotazione fisica, è una delle principali risorse dell'essere umano. Sono pochi i farmaci di cui disponiamo che hanno la stessa facoltà del movimento di riservare benefici al nostro corpo: "l'esercizio fisico, ad esempio, riduce la pressione arteriosa e il colesterolo, aiuta a curare il diabete, aumenta la fluidità del sangue, migliora l'umore, il sonno, la vita sessuale e le relazioni sociali". Una vita di stasi e di eccessiva quiete è controproducente, sia secondo l'aspetto fisiologico che mentale.




Essere in salute significa combattere le ostilità quotidiane senza che ce ne accorgiamo: avere un corpo sano, in tutti i suoi aspetti funzionali e spirituali, fa sì che noi possiamo far fronte alle avversità, soprattutto in questa fase pandemica. La salute è "uno scudo che ci fa lottare le malattie". Trascurare la salute, ad esempio fumando o mangiando troppo, non facendo sport o conducendo una vita troppo sedentaria, ci espone alla malattia. Non è casuale che chi è in sovrappeso è facilmente preda del Covid, come dimostrano i dati scientifici.


Luigi Scarnato, Spinoza e... l'induismo: una prospettiva panteistica


Spinoza parla delle leggi della natura: queste sono il frutto dell'evoluzione di milioni di anni in cui la natura ha stabilito un codice di comportamento che non va smussato. La Natura è il divino, come sostengono Spinoza e l'induismo, fede che mi appartiene. Il corpo umano è la dimora temporanea dell'anima che è espressione del divino, in quanto Natura.


Non tutto il complottismo vien per nuocere


In questi giorni abbiamo parlato di complottismo infondato, inteso come un fenomeno sociale fondato su una critica radicale - priva di metodo scientifico - di un sistema. Luigi Scarnato ricorda che ''bisogna ascoltare tutti, anche i pazienti più noiosi, ostili e difficili, perché dietro il complotto vi è il tentativo di attirare l'attenzione su di sé, poiché è lecito avere delle perplessità e il bisogno di essere rassicurati su determinate questioni''.


Questa affermazione - definita dal dottore nei termini di una ''ipotesi'' - ci invita a non concepire il complotto come un dato ''distruttivo''. Il complotto non dev'essere bandito, ma ascoltato e valutato dando giudizi fondati. Leggi anche:


- Lo Yoga: flessibilità del corpo e della mente. Dialogo con Miryam Rista - Letizia Diamanti: un'infermiera testimone di vita in corsia - La salute per Martina Cumbo: danzare, pensare, educarsi - Le corsie della vita: un esercizio alla vita e alla morte di Mario Rizzo - La salute è nel silenzio degli organi. Dialogo con Maurizio Miraglia - La scienza è un'arte e gli scienziati sono artisti. Dialogo con Cristina Tomasella

360 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti